Eurac, nel 2100 niente più sci a 1500 m

Il riscaldamento globale non si ferma. Il Rapporto sul clima di Eurac Research di Bolzano fa il punto della situazione e identifica gli ambiti sui cui lavorare ancora: risparmiare acqua e ridurre le emissioni legate a traffico e turismo. Secondo i ricercatori, se nei prossimi decenni le emissioni inquinanti non caleranno, nel 2100 in Alto Adige le temperature estive aumenteranno di 5 gradi, d'inverno la neve a 1500 metri di quota diminuirà fino al 90 per cento e la portata dei fiumi in estate calerà in modo drastico. Si tratta di cambiamenti che avranno effetti a cascata in diversi ambiti e che si ripercuoteranno anche sulle attività dell'uomo. In agricoltura e selvicoltura, per esempio, le alte temperature faranno proliferare i parassiti e altre difficoltà arriveranno dalla crescente necessità di acqua per irrigare. Già adesso il 60% del consumo annuale è legato alla sola frutticoltura. Anche gli eventi estremi come le piogge torrenziali e i forti temporali potrebbero aumentare.

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Laives

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...